domenica 29 marzo 2015

BANANA BREAD ALLO YOGURT CON FRUTTI ROSSI, UVETTE E NOCI

Buongiorno cari amici, per la colazione di domani vi propongo una ricetta meravigliosa fatta con ingredienti sani e nutrienti, perfetta per iniziare la giornata alla grande!
Per questo delizioso Banana Bread ho utilizzato delle farine speciali qb Multicereali della Molino Grassi. Si tratta di una linea di farine biologiche unica, caratterizzata dall'equilibrio tra i grani più antichi del mondo e quelli più innovativi, un connubio perfetto di valori nutrizionali e di sapori originali.
Che cos'è un multicereali? E' una miscela di farine composta da manitoba, grano tenero ricco di proteine; avena, ricca di fibre che riducono il tasso glicemico; orzo, ricco di beta-glucani, che aiutano a ridurre colesterolo e glucosio; riso, ricco di carboidrati ad alta digeribilità; la segale, ricca di lisina, che da ai tessuti muscolari più resistenza alla fatica. La farina di farro ricca di proteine e vitamine del
gruppo B, necessarie per il buon funzionamento del metabolismo, per mantenere una buona attività mentale e per l'energia. 
Non mi resta che augurarvi una splendida settimana di sole, che sia arrivata la primavera? Speriamo di si!
Con affetto, Laura *_*





INGREDIENTI:

225 g di farina multicereali biologica (con segale,orzo,riso e avena)
25 g di farina di farro bio
3 uova intere
170 g di zucchero
1 yogurt alla avena e noci da 125 ml
1 banana matura di media grandezza
1 bustina di lievito per dolci


100 ml di olio di mais
30 ml di acqua
30 g di noci tritate
30 g di uvette
30 g frutti rossi essiccati
50 g di mandorle a lamelle ( per decorare la superficie del dolce)


PROCEDIMENTO:


In una planetaria o con le fruste elettriche montare le uova intere con lo zucchero fino a farle diventare bianche e spumose.
Sempre continuando a montare inserire  lo yogurt, l'olio ed infine la farina setacciata con il lievito alternandola all'acqua: si deve ottenere un composto morbido.
Aggiungere alla massa montata le noci, l'uvetta e i frutti rossi; amalgamare il tutto con una spatola dal alto verso il basso senza smontarlo.
Versare il composto in uno stampo da plumcake (io ho usato 3 stampi  monouso); decorare con le lamelle di mandorle. Cuocere a forno caldo preriscaldato ventilato a 170° per 40 minuti. Fare sempre la prova cottura con uno stecchino di legno: se esce asciutto la torta è cotta.









mercoledì 18 marzo 2015

PANE AI 5 CEREALI

Buongiorno cari amici, è con una grande gioia che oggi vi presento questo meraviglioso pane. Sono veramente orgogliosa di me stessa per essere riuscita a realizzarlo!
Dovete sapere che per due sabati di seguito non sono stata molto presente nei vostri blog e nel mio,
perché stavo frequentando un corso sul pane presso la Cucina Italiana.
E' stato un corso bellissimo dove mi sono divertita e ho imparato tante cose utili per la realizzazione del pane grazie a un docente bravissimo, Emanuele Frigerio, che io ringrazio per la pazienza e la sua bravura nell'insegnare quest'arte meravigliosa, e per avermi supportato dopo averlo bombardato di mille domande che le ho fatto!
Il mio ringraziamento più grande va alle mie due amiche blogger che mi hanno trasmesso l'amore per la panificazione: Le bravissime Consuelo Tognetti del blog I biscotti della zia e Tiziana Bontempi del blog Profumo di broccoli.
Grazie  di cuore ragazze, siete meravigliose, senza di voi non sarei qui a pubblicare questo pane fantastico! Siete state e siete le mie muse ispiratrici!!! Visitate il loro blog sono bravissime, ma soprattutto sono una garanzia!
Con affetto Laura *_*









INGREDIENTI:

Per la biga:
300 g di farina
150 ml di acqua
2 g di lievito

Ingredienti per l'impasto:
700 g di farina ai 5 cereali
400 ml di acqua tiepida
20 g di lievito
20 g di zucchero
20 g di sale


PROCEDIMENTO:

Impastare gli ingredienti della biga con la planetaria o a mano, e lasciar riposare il prodotto per circa 12 ore in una ciotola coperta con una pellicola e uno strofinaccio di lino (o di cotone) .
Il mattino successivo procedere con la realizzazione del pane








Idratare la biga dopo aver sbriciolato il lievito, inserito lo zucchero e versato tutta  l'acqua; con una forchetta mescolare il tutto.

Versare le farine miscelate sulla spianatoia (o in una planetaria) e formare la fontana, aggiungere la biga e lavorare bene l'impasto fino ad ottenere una massa quasi incordata. Aggiungere il sale fatto sciogliere in pochissima acqua, presa dal totale. 
Procedere con l'incordatura finale, che si raggiunge quando la pasta risulta liscia e omogenea.
Lasciarla riposare in una ciotola unta d'olio e coperta per circa 30 minuti.
Riprendere la pasta; avvolgerla velocemente e rimetterla a riposare ancora per altri 20/30 minuti.
A questo punto spezzare dei pezzi dal peso di circa 300 g e dategli la forma desiderata. Adagiarli sulla teglia del forno rivestita di carta forno e spolverizzata di farina.
Inserire nell'ultimo ripiano del forno una teglia contenente qualche cubetto di ghiaccio cosicché il vapore renda la crosta più morbida. Cuocere in forno statico preriscaldato a 200°. Controllare la temperatura dopo 30 minuti tramite un termometro: se il cuore del pane ha raggiunto la temperatura di 93°, la maglia glutinica è cotta.
Sfornare e lasciare raffreddare.












sabato 14 marzo 2015

MELA DORATA IN BRICIOLA DI BISCOTTO

Buongiorno cari amici, oggi vi presento questa meravigliosa torta creata dallo chef stellato Davide Oldani! Mi sono innamorata di questa deliziosa torta, non solo per la facilità di esecuzione ma anche per gli ingredienti semplici di facile reperibilità,e sopratutto  per la bontà di questa delizioso dolce!
Come sempre, ho voluto dare un tocco personale a questa torta, già fantastica di suo, aggiungendo l'uvetta sultanina e aromatizzando le mele con la cannella che, a parer mio, si sposa perfettamente creando così un armonia di sapori fantastico... Cosa aspettate? Non vi resta che provarla!!!
Un abbraccio e vi auguro una felice domenica!!!
Con affetto, Laura *_*






INGREDIENTI:


Per il biscotto:
200 g di farina di farro
100 g di fecola di patate
100 g di zucchero
100 g di burro morbido
1 uovo intero
16 g di lievito (1 bustina)
2 g di sale fino

Per la torta:
1 Tortiera del diametro di 26 cm
4 mele golden delicius (sbucciate, denocciolate e tagliate a fette non troppo sottili)
50 g di zucchero
50 g di burro
50 g di uvetta
2 cucchiai di cannella in polvere
20 g di zucchero a velo



PROCEDIMENTO:


Per il biscotto:

Setacciare insieme la farina, la fecola, il lievito.
Amalgamare lo zucchero con il burro morbido, aggiungere le farine, l'uovo ed infine il sale, senza lavorare troppo il composto ma lasciandolo sbriciolato.


Per la torta:

Cuocere le mele con il burro, lo zucchero e la cannella a fuoco vivace per colorarle senza far perdere loro l'acqua interna; lasciare  raffreddare.
Foderare una tortiera con carta forno. Aggiungere 3/4 del biscotto poi adagiare le mele a raggiera e terminare con il biscotto restante.
Cuocere in forno ventilato preriscaldato a 180°c per 40 minuti circa o secondo il vostro forno.
Raffreddare, sformare e spolverizzare con lo zucchero a velo. 









martedì 3 marzo 2015

STRUDEL DI MELE (Apfelstrudel)

Cari lettori, eccomi qua a postare questa deliziosa ricetta dello strudel di mele che io amo particolarmente. Ho personalizzato tempo fa la ricetta quando non avevo ancora il blog e devo dire che tutte le persone che hanno assaggiato il mio strudel sono sempre rimaste affascinate da esso! Vi giuro, non amo farmi pubblicità ma vi dico quello che mi hanno sempre detto, anche veri intenditori dello strudel! 
La mia versione dello strudel è fatta con le mele flambè ma con la pasta sfoglia che esalta il sapore di questo magnifico dolce! Questo che oggi vi propongo, è una variante che ho voluto sperimentare in occasione di una cena con amici: ho voluto realizzare la pasta strudel con il ripieno delle mele flambè. Il risultato è un dolce buonissimo, che ha avuto un successo strepitoso!
Il suo delizioso ripieno dal profumo inebriante, esaltato dalla cannella, i pinoli e uvetta creano un armonia di sapori che è una vera poesia...
Lo strudel(dal tedesco Strudel significa vortice)è un dolce a pasta arrotolata, la versione più conosciuta è dolce a base di mele, pinoli, uvetta e cannella.
Originario delle aree dell'impero Bizantino, dove ancora oggi si prepara la baklava, i turchi lo importarono nelle zone dell'Ungheria sotto il loro dominio,dove ancora oggi è conosciuto col nome di Rétes,
si è quindi  largamente diffuso dall'Impero 
austro-ungarico in tutto il mondo a partire dalla metà del XIX secolo con il nome di Strudel.
In Italia tradizionalmente viene preparato 
nelle terre che un tempo erano sotto la dominazione austro-ungarica,principalmente 
Trentino -Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia.
In Trentino in particolare una zona dove vi è una particolare tradizione,data anche dalla presenza di coltivazioni di mele Dop,è la Val di Non.Qui lo strudel si prepara con le mele di tipo Golden Delicious sia perché si trova in ogni stagione ma anche perché zuccherine e in grado di tenere la cottura,mantenendo allo stesso tempo la morbidezza grazie all'apporto di pectina.Queste notizie le ho prese da internet, mi sembrava corretto raccontare  le origini di questo magnifico dolce!
   
Inoltre volevo ringraziare di cuore tutte le amiche che nel precedente post  mi hanno dedicato un pò del loro tempo per farmi gli auguri per il mio Compliblog! Grazie siete meravigliose!
Con affetto 
Laura<3   





INGREDIENTI:

Per la pasta strudel:
270 g di farina di farro
130 g burro fuso 
1 uovo
1/2 bicchiere d'acqua tiepida
un pizzico di sale

Per il ripieno:

60 g di burro
6 mele golden di media grandezza 
5 cucchiai di zucchero 
1 cucchiaio di cannella in polvere
80 g di uvetta
50 g di pinoli 
2 cucchiai di pangrattato
10 ml di brandy(5 ml per il flambè e 5 ml per l'uvetta)





PROCEDIMENTO:

Per la pasta strudel:
Preparare l'impasto: far fondere il burro a bagnomaria, a fuoco bassissimo; versare la farina a fontana sul piano di lavoro; mettere al centro l'uovo leggermente sbattuto,una presa di sale,80 g di burro fuso e mezzo bicchiere di acqua tiepida.
Amalgamare e lavorare l'impasto fino a che assumerà una consistenza elastica; formare con esso una palla, avvolgerla in una pellicola per alimenti e metterla a riposare per almeno 1 ora. 

Per il ripieno:
Sbucciare le mele ed eliminare i torsoli, tagliarle a fette sottili e saltarle in padella con il burro fuso, la cannella e lo zucchero. Cuocerle  per almeno 5/6 minuti finché non si caramellano leggermente. 
Versare il brandy e con un fiammifero o un accendino accendere la fiamma per flambare 
le mele. Il fuoco si spegnerà  da solo appena l'alcool evapora; dopo 2/3 minuti spegnere il fuoco e lasciare raffreddare. 
Ammollare l'uvetta nel brandy.

Scaldare il forno a 200° C 
Stendere la pasta in una sfoglia finissima su un canovaccio leggermente infarinato, spennellatelo con 30 g di burro e distribuitevi sopra , lasciando un bordo vuoto 3/4 cm, il pangrattato, le mele  flambé ormai fredde, l'uvetta e i pinoli.
Chiudere lo strudel ripiegando verso l'interno i bordi, aiutandovi con il canovaccio. Spennellare la superficie con il burro fuso e trasferire il dolce sulla placca del forno foderata con la carta forno.
Cuocere per circa 25/30 minuti a 200° o secondo il vostro forno finché la superficie non diventerà dorata.
Sfornare lo strudel e lasciare intiepidire, spolverizzare con lo zucchero a velo e servire.